Pranzi e cene medievali in val badia?

Informazioni per coloro che arrivano a Bolzano o in Alto Adige da turista
Rispondi
bestiainc
Nuovo utente
Nuovo utente
Messaggi: 3
Iscritto il: 23 mar 2011, 18:39
antispam: No
Scrivi il secondo numero: 2
Località: palermo

Pranzi e cene medievali in val badia?

Messaggio da bestiainc » 23 mar 2011, 19:09

Frequento, anche se sporadicamente l'Alto Adige dal 1970, perchè vado a Dobbiaco per le settimane musicali di Mahler.
Ho girato molto la vostra bella regione e solo per citare alcuni luoghi, Bressanone, Vipiteno, Bolzano, Merano, Alleghe, Arabba, la Marmolada, Malga Ciapela, Brunico, Teodone, San Candido, Naturno, Racines, Merano, Tirolo e tutti i passi dolomitici, il lago di Braies, di Anterselva, plan di Corones, Sesto la val Fiscalina etc.
Una volta mi hanno portato a mangiare del cibo medievale rustico e contadino, se ben ricordo all'inizio di Val Badia in un piccolo paesino, quasi una frazione, di cui ho scordato il nome: era qualcosa di simile ad un osteria, non era assolutamente un ristorante, ma bisognava prenotare prima per avere il cibo medievale. Mi ricordo delle focacce ripiene.....
Poichè quest'anno verrò, forse per l'ultima volta a Dobbiaco, sono anziano ed ho qualche problemino di salute, sarei molto grato se qualcuno mi indicasse il luogo esatto, e possibilmente il nome e il numero di telefono di questo posto. Grazie e spero a presto

guido
Moderator
Moderator
Messaggi: 838
Iscritto il: 08 nov 2006, 16:40
antispam: No
Scrivi il secondo numero: 2

Re: Pranzi e cene medievali in val badia?

Messaggio da guido » 24 mar 2011, 17:36

Hai girato l'Alto Adige in lungo ed in largo in questi ultimi 40 anni. Se ci sei tornato così spesso sicuramente ti piacciono le zone (e la montagna in particolare). In Val Badia ci sono diversi paesi: Corvara, Colfosco, La Villa, San Cassiano, Pedraces, San Martino in Badia, San Vigilio di Marebbe e La Valle.

Purtroppo io non riesco ad esserti d'aiuto per il locale che stai cercando. Posso però lasciarti due indirizzi a cui potresti rivolgerti, sono le APT dell'Alta Badia e dell'Alta Val Pusteria: altabadia.org e altapusteria.info. Spero che riescano a darti le informazioni di cui hai bisogno.

In che periodo arriverai in ferie? Te lo chiedo perchè quest'anno dal 19 al 21 agosto ci saranno nuovamente i Giochi cavallereschi Alto Adige a Sluderno in Val Venosta, una grande manifestazione storica vicino a Castel Coria a Sluderno. Presumo potrebbe essere interessante.

bestiainc
Nuovo utente
Nuovo utente
Messaggi: 3
Iscritto il: 23 mar 2011, 18:39
antispam: No
Scrivi il secondo numero: 2
Località: palermo

Re: Pranzi e cene medievali in val badia?

Messaggio da bestiainc » 25 mar 2011, 14:31

Caro Guido,
ti ringrazio per le tue informazioni, ma ho risolto chiamando appunto l' APT di San Lorenzo in Val Badia, che mi ha chiarito il tutto. Purtroppo salgo a luglio e quindi non potrò seguire la tua segnalazione. Ma quello che mi interessa veramente sono le settimane musicali di Gustav Mahler a Dobbiaco. Io sono nato a Palermo e tranne qualche periodo a Milano e Trieste, non ho mai lasciato la mia città. Devo dirti però che da giovane preferivo il mare ma passata la trentina il fascino della montagna mi ha preso interamente, e sarei oltremodo felice di abitare nella Vostra regione, ma i prezzi delle case, specie in montagna, sono proibitivi. Ti potrei raccontare, se fossimo di presenza e con dovizia di particolari, un tragico giro delle Tre Cime del Lavaredo, compiuto dietro invito, non richiesto, da esperti, con io che arrancavo vestito normalmente con mocassini e pantaloni estivi e maglietta: alla fine del giro tre ore e mezza!!!!, avevo rotto i mocassini, stracciato i pantaloni dietro e, dimenticavo, recuperato il borsello che portavo a tracolla, caduto in un crepaccio. Una strappata che ricordo ancora nonostante siano passati circa trentacinqueanni!! Però mi sono divertito lo stesso.
Un caro saluto e grazie per il tuo interessamento

Vito Marino

guido
Moderator
Moderator
Messaggi: 838
Iscritto il: 08 nov 2006, 16:40
antispam: No
Scrivi il secondo numero: 2

Re: Pranzi e cene medievali in val badia?

Messaggio da guido » 25 mar 2011, 15:14

Penso siano proprio questo le cose belle della vita. La tua avventura ti è rimasta così impressa che ancora oggi non la hai dimenticata ed hai qualcosa da raccontare. Magari oggi ci ridi sopra, ma 35 anni fa erano dolori :evil:

Andare in montagna non è una passeggiata e non lo dico solo a te. Quando ci vado io oltre a scarponi, abbigliamento idoneo, zaino, mangiare (al sacco) e bere (tè in inverno ed acqua in estate), nello zaino la giacca, i guanti, il berretto, la lampada ed altro sono oggetti che nello zaino porto con me sia in estate che in inverno. In montagna potresti partire con il sole e dopo poche ore potrebbe arrivare un temporale o la neve. Come potresti partire con la pioggia e dopo poco tempo il sole potrebbe splendere in un cielo sereno e senza nuvole.

E' proprio questo il bello della montagna: sentirti a contatto diretto con la natura, dove niente è scontato, ti senti solo ed allo stesso momento hai delle sensazioni uniche. Comunque mi piace anche il mare e la tranquillità.

Il giro delle Tre Cime lo feci qualche anno fa la prima volta. Uno spettacolo unico. Come anche tanti posti in Sicilia comunque. Ogni zona ha le sue attrazioni uniche. E senza un sacrificio non sarebbe neanche bello raggiungere la meta.

Ma poi hai trovato la trattoria che ceercavi?

bestiainc
Nuovo utente
Nuovo utente
Messaggi: 3
Iscritto il: 23 mar 2011, 18:39
antispam: No
Scrivi il secondo numero: 2
Località: palermo

Re: Pranzi e cene medievali in val badia?

Messaggio da bestiainc » 26 mar 2011, 15:44

Caro Guido (se mi permetti),
certo che ho trovato la trattoria: si chiama RONCHI ed ha il seguente tel. 0474404014. Sicuramente il 26 Luglio andrò a pranzo li con mia sorella, e dei miei carissimi amici di Bassano del Grappa, che conosco dagli anni '70. Tu sicuramente hai sentito parlare di altri posti dove si mangia bene: a Bressanone da Fink visitato non nell'odierna sede ma quando era in un altro posto, e da cui ho gustato allora un menù col quale vinse il 2° posto in una gara gastronomica e cioè zuppa di latte e vino della valle d'Isarco, e un castrato al barolo che si tagliava con la forchetta!! Inoltre mi ha fatto gustare del formaggio vecchissimo con i vermi e le cipolle tagliate fresche: eccezionale anche perché innaffiato da uno spettacolare Lagrein rosso che aprì solo per noi!! A Merano c'era allora da Andrea dove ho mangiato benissimo e bevuto ancora meglio. Nei pressi della cascate di Racines (sempre anni '70) ho mangiato i migliore Knodel della mia vita fatti in una sperduta osteria da una vecchia signora che non parlava quasi niente l'italiano. In montagna non ho mai mangiato male: figurati che anche a Malga Ciapela ai piedi della Marmolada, abbiamo mangiato in un posto chiamato Capanna Bill un favoloso tagliere di formaggi, di salumi e sottaceti tutto fatto da loro in malga. Allora si trovava ancora da mangiare genuino, ora è diventato più complicato ma qualcosa si trova ancora. Nel '70 bevevo a Dobbiaco del buon latte appena munto e sterilizzato, nella latteria sociale del paesino: adesso la latteria che era al centro del paese è dislocata fuori, ed è diventata una mega rivendita di latte, latticini, formaggi salumi etcc. ma il gusto del latte non è più quello di una volta.
Per il fascino della montagna, devo dirti ancora un episodio che mi è capitato sul monte Nevoso (se ben ricordo anche monte Re) in Slovenia, dove ha origine la bora praticamente. Mentre salivo da solo lungo il sentiero è scesa improvvisa la nebbia, e tutto si è attenuato: luci, rumori e anche la tua vita sembrava dispersa in questa nebbia. Improvvisamente sento dei passi che scendevano e contemporaneamente un fischiettio di un aria a me familiare. Quando ci siamo incrociati e salutati,lui in tedesco perché lo era, gli ho detto il pezzo che stava fischiettando e cioè Brahms Overture tragica (sono un esperto di musica classica) e senza dire nient'altro ci siamo guardati negli occhi e poi abbracciati. Poi ognuno ha ripreso il proprio cammino sicuramente migliore di quanto lo fosse stato prima del nostro incontro. Due persone sconosciute, sulla montagna piena di nebbia, di etnia diversa, si erano riconosciute nell'universalità sia della natura che della musica. un evento indimenticabile!!
La montagna è magica : può fare questo ed altro, ed io sono stato un semplice camminatore e non ho mai scalato niente.
Un cordiale saluto

Vito Marino

Rispondi