Start Men Elite

Foto Marlene Sunshine Race 2008

Nalles 6 aprile 2008

"Marlene Sunshine Race", gara internazionale Cross Country di Mountain Bike a Nalles (Alto Adige). Dei 670 partecipanti in rappresentanza di 23 nazioni (Argentina, Australia, Austria, Bosnia-Herzegovina, Bielorussia, Colombia, Croazia, Repubblica Ceca, Danimarca, Spagna, Estonia, Francia, Germania, Italia, Messico, Norvegia, Nuova Zelanda, Russia, Slovenia, Svizzera, Svezia, Ungheria, Lettonia) 218 hanno gareggiato nella categoria elite, un numero così alto ancora mai visto nella Val d’Adige.

Quest'anno il tracciato è stato modificato in alcuni punti in modo che gli spettatori erano più vicini nei punti più interessanti come la "salita dell'usignolo" ("Nachtigallen" Uphill) a poche centinaia di metri dalla partenza lungo la quale sono stati anche tolti alcuni tornanti per offrire maggiore spazio agli spettatori e la spettacolare discesa "step downhill".

Eva Lechner

Foto 2010

I vincitori: Eva Lechner (ITA) - Nino Schurter (SUI)

Vai alla cronaca

Ivan Alvarez Gutierrez

Foto 2009

I vincitori: Eva Lechner (ITA) - Ivan Alvarez Gutierrez (ESP)

Vai alla cronaca

Roel Paulissen

Foto 2007

I vincitori: Gunn-Rita Dahle (NOR) - Roel Paulissen (BEL)

Vai alla cronaca

Il cielo era coperto, ogni tanto si faceva vedere il sole, ma faceva abbastanza freddo.

Elite donne

Start Women Elite
Start Women Elite

L'Elite donne, Under 23 e Donne Amatori parte alle ore 12.15, effettua prima un giro in paese per permettere la partenza degli Juniores, in modo che questi possano iniziare prima la salita.

Partenza Juniores

1 minuto subito dopo la partenza dell'Elite donne sono partiti i Juniores (men/women).

Arrivo della Elite donne alle 14.11.

La gioia delle prime tre atlete classificate all'arrivo: Nathalie Schneitter, Gunn-Rita Dahle Flesjaa e Elisabeth Osl.

La vittoria nelle donne è andata alla 22enne campionessa mondiale junior, la svizzera Nathalie Schneitter la quale dopo 38 chilometri ha preceduto la campionessa olimpica nonché mondiale norvegese Gunn-Rita Dahle di 1 minuto e 12 secondi e staccato la terza classificata austriaca Elisabeth Osl di 3 minuti e 43 secondi. La migliore delle azzurre è stata la campionessa italiana Annabella Stropparo, giunta quarta attardata di 5 minuti e 12 secondi, mentre la campionessa europea U23, l’altoatesina Eva Lechner, si è classificata al quinto posto.

Classifiche donne

  1. Nathalie Schneitter (Svizzera) - Colnago Arreghini Filago 01.55,30
  2. Gunn-Rita Dahle Flesjaa (Norvegia) - Multivan Merida Biking Team 01.56,42
  3. Elisabeth Osl (Austria) - Ghost Racing Team 01.59,13
  4. Annabella Stropparo (Italia) - Ideal Bikes Romania 02.00,42
  5. Eva Lechner (Italia) - Colnago Arreghini Filago 02.02,25
  6. Blaza Klemencic (Slovenia) - Giant Italia Team 02.03,09
  7. Nina Homovec (Slovenia) - Slovenia National Team 02.04,05
  8. Tanja Zakeli (Slovenia) - Slovenia National Team
  9. Elena Gaddoni (Italia) - Progress FRM 02.05,19
  10. Maria Osl (Austria) - Sunshine Racers Nals 02.09,07

Interviste

"Sono contentissima", racconta Nathalie Schneitter. "È la mia prima vittoria in una gara elite e non me l’aspettavo, perché domenica scorsa in Svizzera avevo concluso la Swiss Power solo al nono posto. A Nalles ho forzato l’andatura al quinto giro, chiudendolo con 22 secondi di vantaggio sulla norvegese. Poi ho aumentato il ritmo e, stranamente, Gunn-Rita Dahle non ha reagito".

La campionessa olimpica Gunn-Rita Dahle Flesjaa ha tenuto duro fino al penultimo giro, poi ha dovuto mollare. "Nathalie è stata bravissima meritandosi la vittoria. Io, invece, sono felicissima. Il mio rientro alle gare è stato soddisfacente e mi sono anche divertita. Ora affronterò le prossime gare con maggiore serenità".

Meno soddisfatta Annabella Stropparo che ha concluso al terzo posto. "Ho sfruttato solo il 60% delle mie possibilità. Devo dire che i tifosi erano molto calorosi. Questa è una delle mie ultime stagioni, perché ci sono cose più importanti nella vita. Il percorso era asciutto e molto bello. Le discese, peró, non fanno per me".

Elite uomini

Dopo l'arrivo della Elite donne e la premiazione, alle ore 14.51 parte l'Elite uomini, Under 23 ed Under 21.

I corridori tornano verso il paese di Nalles dopo aver percorso il primo giro ed iniziano la salita "Nachtigallen" Uphill (salita dell’usignolo) per poi arrivano sui prati con i vigneti.

Tony Longo
Tony Longo
Ivan Alvarez Gutierrez
Ivan Alvarez Gutierrez
In salita
In salita

Passati sul ponte di ferro si dirigono verso la zona del "Kescht'n Igel", dove si percorre un tratto molto ripido e tecnico dove diversi partecipanti sono scesi dalla bici ed alcuni sono caduti.

Quindi si torna verso il ponte di ferro e si passa dalla parte opposta per affrontare il tratto downhill del "Schöntor" in mezzo al bosco.

Un passaggio abbastanza impegnativo in una curva molto ripida.

Alla fine della discesa si ritorna a Nalles verso l'arrivo lungo alcuni tratti sterrati ed asfaltati.

Leonardo Paez Leon Hector e Johann Pallhuber
Leonardo Paez Leon Hector e Johann Pallhuber
Marco Aurelio Fontana
Marco Aurelio Fontana
Emil Lindgren
Emil Lindgren

In campo maschile dominio dello spagnolo Ivan Alvarez Gutierrez della Giant Italia Team che ha percorso i 48 chilometri (otto giri) in 2.00,55 staccando di 2 minuti e 2 secondi l’azzurro Marco Aurelio Fontana che si trova in testa alla classifica generale degli Internazionali d’Italia. Terzo con un ritardo di 2 minuti e 19 secondi il colombiano Leonardo Paez. Quarto lo svedese Emil Lindgren, quinto Mirko Pirazzoli.

Interviste

"Ho aumentato il ritmo al quinto giro e nessuno mi ha seguito. A dire la verità sono rimasto un po' sorpreso. Sono felicissimo, perché è la mia prima vittoria in una gara elite. Mi ero classificato terzo agli Open d’Espania la scorsa settimana a Madrid. Yader Zoli, oggi ottavo, è un grande capitano. Ho lavorato duro per riavvicinarmi ai più forti del mondo dopo l’infortunio occorsomi nel 2007. Avevo le gambe buone e mi diverto in salita", conclude lo spagnolo.

Marco Aurelio Fontana, ventitreenne di Cesano Maderno vicino a Milano, ha disputato un’ottima gara, recuperando giro per giro. "Il ritmo nei primi giri è stato molto alto. Avevo buone gambe che hanno tenuto fino alla fine".

Soddisfatto anche Leonardo Paez, il fortissimo maratoneta colombiano. "Probabilmente rappresenterò il mio Paese ai Giochi Olimpici di Pechino. In vista dei Giochi partecipo perciò a diverse gare Cross Country per preparrmi a dovere per questo importante appuntamento".

Classifica Elite uomini

  1. Ivan Alvarez Gutierrez (Spagna) - Giant Italia Team 02.00,55
  2. Marco Aurelio Fontana (Italia) - Hard Rock FRW 02.02,57
  3. Hector Leonardo Paez (Colombia) - Gewiss Bianchi 02.03,14
  4. Emil Lindgren (Svezia) - Full Dynamix 02.04,02
  5. Mirko Pirazzoli (Italia) - Progress FRM 02.05,46
  6. Tony Longo (Italia) - Full Dynamix RSM 02.05,53
  7. Giuseppe Lamastra (Italia) - Hard Rock FRW 02.06,08
  8. Yader Zoli (Italia) - Giant Italia Team 02.06,13
  9. Alexey Medvedev (Russia) - NSR Torrevilla MTB Team ASD 02.06,42
  10. Johann Pallhuber (Italia) - Team Silmax AMD Kona 02.06,56