Ortler Bike Marathon

Ortler Bike Marathon

3 giugno 2017

A Glorenza va di scena la Ortler Bike Marathon, la granfondo di mountain bike che permette ai patiti delle ruote artigliate di misurarsi e divertirsi fra gli off road della Val Venosta in Alto Adige.

Si tratta di un appuntamento tanto atteso dai bikers altoatesini e italiani, ma non solo, dato che sono davvero tanti gli appassionati stranieri partecipanti alla gara di giugno.

Assieme agli specialisti delle granfondo saranno protagonisti migliaia di bikers che vorranno godersi una giornata di sport e di festa sui percorsi di gara e a Glorenza, grazie alle tante iniziative di contorno.

La gara avrà partenza e arrivo dal centro di Glorenza con due itinerari a disposizione degli appassionati: un percorso "classic" di 51 km e 1600 metri di dislivello ed un "marathon" da 90 km e 3000 metri di dislivello, con salite e passaggi tecnici più impegnativi, studiati appositamente per soddisfare ogni tipo di richiesta competitiva.

Ogni partecipante dovrà decidere quale percorso affrontare al momento dell'iscrizione, la scelta nel corso della gara non sarà più possibile. I più ardimentosi si cimenteranno con l'itinerario "marathon", mentre gli altri potranno competere su quello più breve, ma non per questo meno suggestivo.

La gara accompagnerà gli appassionati in alcuni degli angoli più belli dell'Alta Val Venosta come i centri storici di Malles, Burgusio e Glorenza, l'ascesa al lago dei Preti nel cuore delle Alpi Venoste, i laghi di Resia e San Valentino, il tecnico passaggio sulle scalinate di Castel Coira.

Gli atleti che competeranno saranno circondati da paesaggi mozzafiato all'ombra dell'Ortles, che li farà immergere nei meravigliosi colori della natura dell'Alta Val Venosta, passando nei centri d'interesse storico-culturale come Castel Coira (uno dei castelli meglio conservati dell'intero arco alpino, che raccoglie al proprio interno dipinti rinascimentali e la più grande armeria privata europea) e l'Abbazia di Monte Maria (per decenni centro spirituale della zona, contenente un museo, una biblioteca e dei preziosi affreschi di arte romanica).

Si arriva all'emblema di tutta la Val Venosta, il campanile sommerso del Lago di Resia circondato dalle montagne dell'Ortles, e si passa nel Parco Nazionale dello Stelvio, "custode" di ricchezze paesaggistiche a tutela di una vasta area naturalistica protetta, che farà letteralmente "immergere" i concorrenti fra la flora e la fauna locali per un'esperienza unica, suggestiva, emozionale.

E ancora il lago di San Valentino, i borghi caratteristici di Malles e Burgusio e tante altre tappe di assoluto prestigio, tant'è che, per sfruttare nel migliore dei modi la proposta di Ortler Bike Marathon, è stata ideata anche la pedalata ecologica "Just for Fun", per potersi dedicare "anema e core" alle testimonianze storiche e naturali dell'Alto Adige.

La svizzera Esther Süss e l'ancora imbattuto alla Ortler Bike Marathon Roel Paulissen, entrambi ex campioni del mondo, saranno ai nastri di partenza della competizione di Glorenza.

Esther Süss ha gareggiato alle Olimpiadi di Londra 2012 chiudendo al quinto posto, è divenuta campionessa del mondo nel 2010 a Sankt Wendel (GER), nell'ottava edizione dell'UCI Mountain Bike Marathon World Championships, campionessa europea nel 2008 nella medesima località e nel 2010 a Montebelluna (TV), vincendo inoltre la leggendaria Cape Epic sudafricana sia nel 2011 che nel 2012, prima con Barti Bucher nella categoria mista e poi con Sally Bigham nella categoria femminile.

La carriera di Roel Paulissen non è stata da meno, colui il quale ha concluso sul gradino più alto del podio in due edizioni su due della Ortler Bike Marathon. Dal 1993 il belga ha vinto più di dieci titoli nazionali, ottenendo due medaglie d'oro World Championships nel 2008 a Villabassa (BZ) e a Graz (AUT) nell'annata successiva. Paulissen ha inoltre rappresentato il Belgio in quattro edizioni dei Giochi Olimpici (1996, 2000, 2004, 2008).

La terza Ortler Bike Marathon fa parte di prestigiosi circuiti, quali il tedesco "Ritchey Mountainbike Challenge", "Bikeworld Zerowind Cup" ed "Il Prestigio".

Percorso marathon

Il tracciato marathon si compone di 90 km e 3000 metri di dislivello, attraversando i seguenti comuni ed attrazioni turistiche: Glorenza, Malles, Burgusio, Monastero di Monte Maria, Chiesa di Santo Stefano, Klostersäge, Lataschg, Prämajur, Plantapatsch, malga Platzeralm, malga Bruggeralm, maso Greinhof, Resia, Curon, San Valentino alla Muta, Dörfl, Alsago, Planol, Malettes, Mösl, Mazia, maso Schlosshof, maso Lochhof, Castel Coira, Glorenza.

Percorso classic

L'itinerario classic sarà invece ben più abbordabile, con 51 km di lunghezza e 1600 metri di dislivello, sempre con partenza dal caratteristico borgo di Glorenza, attraversando poi nell'ordine: Malles, Burgusio, San Valentino alla Muta, Dörfl, Alsago, Planol, Malettes, Mazia, maso Schlosshof, maso Lochhof, Castel Coira, Sluderno, prima di tornare nuovamente a Glorenza.

Risultati: 3 giugno 2017

Una splendida giornata di sole ha coronato il tutto, e a svettare al cospetto dell'Ortles ci hanno pensato due atleti capaci di sbriciolare letteralmente i primati precedenti, e di giungere alla finish line con ampio anticipo rispetto al previsto.

Juri Ragnoli (3:38:01) è arrivato al traguardo in solitaria, dopo una prova leggendaria che nemmeno lui era in grado di aspettarsi, un tempo fenomenale considerando che l'ex campione del mondo marathon Roel Paulissen ritornò a Glorenza in 3:58.10 lo scorso anno (fu invece 3:41:01 il tempo ottenuto dal belga nella prima edizione). Ottima anche la prestazione di Johnny Cattaneo, secondo quest'oggi in 3:42.14, un tempo strepitoso che dà l'idea di quanto Ragnoli sia stato in grado di guadagnarsi gli onori della cronaca. Terzo un pur bravo Paulissen, il quale non ha sprecato un secondo per complimentarsi con i primi due.

Similare la situazione fra le donne, con Esther Süss, campionessa del mondo nel 2010 e d'Europa nel 2008, ad imporre un ritmo "bestiale" alla Ortler Bike Marathon 2017, e chiudendo in 4:23.09 davanti ad avversarie del calibro di Mara Fumagalli (4:31.52) e della stella lituana Katazina Sosna (4.36.31).

Non solo 90 km e 3000 metri di dislivello per i bikers in occasione della terza edizione, ma anche 51 km e 1600 metri di dislivello per i velocisti del classic e, tra di essi, si celavano numerosi fuoriclasse come l'altoatesino che giocava in casa Johannes Schweiggl, vincitore col tempo di 2:03.37, davanti al trentino Marco Rosati (2:04.50) e a Fadri Barandun (2:04:55).

Al femminile è tripudio germanico con tre atlete tedesche sul podio, come Jana Zieschank (2:37:12), davanti a Sarah Marquart (2:39:15) e a Veronika Weiss (2:40:02).

Info
Ortler Bike Marathon
ortler-bikemarathon.it