Via Dr. Streiter

Via Dr. Joseph Streiter

In via Dr. Joseph Streiter si trovava l'antico fossato nord del primo borgo medievale che circondava la città composta da via Portici. Questo venne progressivamente interrato dopo l'assedio di Bolzano da parte di Mainardo II (1277), le mura e le torri di difesa vennero rase al suolo. Successivamente vi si edificarono edifici e la strada crebbe di importanza.

Via Streiter si trova parallela alla via dei Portici, i suoi edifici del lato meridionale appartengono allo stesso corpo di fabbrica di quelli del lato settentrionale dei Portici.

Dapprima la strada venne denominata via Carrettai, in quanto vi passavano i carri per traportare le merci ai commercianti dei Portici. Nel 1901 venne rinominata in via Dr. Streiter. Dr. Joseph Streiter (1804 - 1874) fu poeta, giurisprudente e sindaco della città nella seconda metà del 1800.

La via Dr. Streiter congiunge la via dei Bottai con la via Francescani vicino a piazza delle Erbe, parallelamente ai Portici. Qui si trovano alcuni bar nei quali è possibile anche mangiare a mezzogiorno ed alcuni negozi. Circa a metà della via ci sono la Galleria Vintler e la Galleria Stella con i loro negozi che collegano rispettivamente la via Vintler ed i Portici.

Banchi del pesce

Vicino all'arco della casa Zallinger-Thurn, in parte murato, si trovano i vecchi banchi del pesce in marmo, ricordo dell'antico mercato del pesce che si teneva lungo questa via. Specie in estate è un angolo di Bolzano molto suggestivo: sui banchi del pesce è allestito un originale bar all'aperto. Negozi, decorazioni e locali creano un'atmosfera particolare ed unica.

Vecchio municipio di Bolzano

Al civico numero 25 si trova il lato settentrionale del vecchio municipio di Bolzano. Sede dell'Amministrazione Comunale dal 1455 al 1907, il palazzo mostra una suggestiva alternanza di elementi architettonici gotici e barocchi. All'interno si trova il cortile loggiato della fine del XV secolo.

L'ala verso via Portici, che fu parzialmente distrutta dai bombardamenti, conserva il portico originario con decorazioni tardogotiche di K. Waider ed, integralmente ristrutturata, ospita oggi l'Archivio Storico della Città.

L'ala verso via Streiter ospita le storiche sale del Consiglio cittadino affrescate da G. Müller (1597) ed un salone con soffitto ligneo decorato. Gli arredi ed i dipinti originali sono conservati presso il Museo Civico.